Liceo Artistico Foppa Brescia
Gli scheletri della IIIB
  • Condividi su:

Arti Figurative - Gli scheletri della IIIB - La classe esorcizza la figura dello scheletro

Richiedi informazioni

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per l'invio tramite e-mail di comunicazioni informative e promozionali, nonché newsletter da parte del Titolare in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate
* Campo Obbligatorio
Contest Interno - Respect Matters
È online il contest interno dal titolo #RespectMatters. In concomitanza con il lancio della nuova sezione del nostro sito web legata al Bulismo, che puoi visitare qui, il Liceo Artistico F...
Il Liceo Artistico Foppa partecipa ad Inventari Superiori
Anche quest'anno, il laboratorio di Dizione e Lettura Espressiva, coordinato dalla professoressa Cecilia Botturi, partecipa alla rassegna teatrale delle scuole bresciane Inventari Superiori....
Campioni di Stile, due incontri con grandi sportivi del nostro territorio
Martedì 4 maggio e lunedì 10 maggio 2021, alle ore 9,40, si terranno due incontri nell'ambito del progetto "Campioni di Stile - Etica sportiva e gestione dell'insuccesso".Gli studenti di...
Festa della mamma 2021: sosteniamo AIRC e la Ricerca contro il cancro
Come da tradizione, in occasione della Festa della Mamma, torna l'Azalea della Ricerca AIRC, un modo ricco di significato per festeggiare tutte le mamme.Il Gruppo Foppa sostiene anche quest&rsquo...

I ragazzi di III B, insieme alla docente Erika Cunja, hanno riflettuto sullo scheletro umano in posizione statica e dinamica. Gli scheletri sono stati posizionati in un contesto surreale, caratterizzato da forme semplificate e colori complementari, quasi per esorcizzarne il significato.

Dopo aver copiato a matita gli scheletri in diverse posizioni, facendo attenzione alle ossa effettivamente caratterizzanti il cranio, il torace, il bacino e gli arti, i ragazzi hanno collocato il proprio soggetto in uno spazio scelto fra le opere del visual artist Karan Singh. Attraverso l'utilizzo di tratto-pen, pennarelli, pantoni o copic si sono ottenute campiture di colore piatto e acceso per restituire la stessa interpretazione giocosa del minimalismo operata dall'artista.

Si è voluto sdrammatizzare la visione cupa e macabra dello scheletro, un po' come aveva già fatto Damien Hirst ricoprendo un teschio con i diamanti. Come ha detto l'artista stesso "rispetto alla tristezza lacrimosa di una scena di vanitas (natura morta), il teschio di diamanti è la gloria stessa.”

Nella gallery puoi vedere alcune delle opere finite e alcuni studi preliminari degli studenti. 

5x1000 Gruppo Foppa
Bilancio di missione 2019/20
Scopri la scuola
Progetti di Arti Figurative
Progetti Architettura e Ambiente
Video regolamento interno per contrasto diffusione Covid-19