Liceo Artistico Foppa Brescia
Le maschere tribali della IIB
  • Condividi su:

Arti Figurative - Le maschere tribali della IIB - La pittura è una poesia muta

Richiedi informazioni

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per l'invio tramite e-mail di comunicazioni informative e promozionali, nonché newsletter da parte del Titolare in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate
* Campo Obbligatorio
Al via il corso di orientamento alla Moda del Liceo Artistico Foppa
Il 29 ottobre 2021 partirà il corso di orientamento alla moda 2021/2022 tenuto dalla professoressa Paola Palazzini. Il corso quest'anno avrà il titolo "Gli Opposti". Quest'anno...
La II incontra l'artista Adriano Rossoni
Lunedì 25 ottobre, dalle 13 alle 14, in laboratorio DGP, la classe II dell'Indirizzo Audiovisivo Multimediale, con la professoressa Rita Duchi, incontrerà l’artista e docente Adria...
Incontro con i volontari AVIS, AIMO e AIL
Lunedì 25 ottobre si terrà l'incontro con i volontari dell’AVIS. Dalle 8 alle 10, incontreranno gli studenti di VA, dalle 10 alle 12, gli studenti di VB e IVC.Durante l'i...
Al via il progetto 'Isole nella Corrente'
Il Liceo Artistico Foppa ha aderito, con la classe IV dell'Indirizzo Arti Figurative, al progetto "Isole nella Corrente", organizzato dalla Cooperativa di Bessimo. Il titolo del progetto vuole om...

“La pittura è una poesia muta, e la poesia è una pittura cieca”, diceva Leonardo Da Vinci.
Facendo riferimento a questa citazione la professoressa Erika Cunja con i ragazzi della II B hanno constatato che anche le maschere tribali possono essere considerate una forma di poesia muta!

Le maschere tribali accostano forme, linee, colori secondo schemi e ritmi stilistici come la poesia accosta parole secondo particolari leggi metriche. Sono simboliche perchè evocano qualcosa d’altro e suscitano emozioni come la poesia utilizza metafore per evocare qualcosa d’altro. Le maschere diventano tramite per parlare con gli spiriti e le divinità.

Ogni particolare è simbolico perché rappresenta una qualità dell’animo umano o un’emozione: “gli occhi socchiusi rappresentano la pazienza, il dominio di sé; gli occhi piccoli possono rappresentare l’umiltà, mentre la bocca grande rappresenta la forza e l’autorità. Le ciglia arcuate e gli occhi a mandorla ricordano invece la bellezza femminile".

Il primo disegno del lavoro realizzato è una copia realistica a grafite di una foto della maschera scelta.
Il secondo, invece, rappresenta una maschera inventata, facendo riferimento a ritmi stilistico osservati, realizzata con campiture piene di nero e bianco, sottolineando così il contrasto fra zone piene e vuote, per restituire un’immagine forte e incisiva. 

Regolamento di sede 2021
5x1000 Gruppo Foppa
Bilancio di missione 2019/20
Scopri la scuola
Progetti di Arti Figurative
Progetti Architettura e Ambiente