I volti della IIIB
  • Condividi su:

Arti Figurative - I volti della IIIB - Cezanne, Freud e Giacometti al centro dell'analisi degli studenti

Richiedi informazioni

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy
Acconsento al trattamento dei miei dati personali per l'invio tramite e-mail di comunicazioni informative e promozionali, nonché newsletter da parte del Titolare in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate
* Campo Obbligatorio
Gli studenti di III B alla Pinacoteca Tosio Martinengo
Martedì 4 giugno, gli studenti di III B, insieme alle docenti Francesca Brunori e Emma Tosoni, si recheranno in uscita didattica alla Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia....
Torneo interno di calcio e di pallavolo del 4 giugno
Il Prof. Pedersoli ha organizzato in data martedì 4 giugno un torneo interno di calcio e di pallavolo con classi miste. L’attività si svolgerà dalle ore 8.00 alle 14.00.Gli ...
Gli studenti di I A in biciclettata e a lezione di equitazione
Lunedì 3 giugno, gli studenti di I A, insieme al professor Pedersoli e alla prof.ssa Fantino, saranno impegnati in una biciclettata dalla stazione di Bicimia, passando per il parco delle cave f...
5x1000 al Gruppo Foppa - 2024
Anche quest’anno è possibile destinare il 5 per 1000 per sostenere la formazione dei giovani e le iniziative formative del Gruppo Foppa. Per dare il proprio contributo, nella di...

I ragazzi di III B, accompagnati dalla professoressa Erika Cunja, hanno cominciato un percorso di analisi e rielaborazione grafica del volto, realizzato da vari artisti, nel corso dei secoli.

Non hanno un iter cronologico preciso e questo gli permette di confrontare opere molto diverse fra di loro nel significato, nella forma stilistica e nella restituzione cromatica.
Osservare e rappresentare i volti disegnati da grandi artisti diventa un esercizio molto utile per sperimentare le tecniche grafiche e pittoriche e per comprendere cosa c’è effettivamente “dietro” un’opera d’arte, qual è il significato che la sostiene e la ispira.

Si sono soffermati, in particolare, sui ritratti di Lucian Freud, Paul Cézanne e Alberto Giacometti, spostandosi in un arco di tempo abbastanza ampio, dalle sperimentazioni tecniche degli impressionisti all’espressività drammatica come conseguenza delle guerre mondiali.

Cézanne non è tanto interessato all’espressività delle figure, alla loro individualità, ma vuole cogliere l’essenza della forma, lo scheletro strutturale della realtà dato da sfera, cilindro e cono, a cui tutto può essere ricondotto! Le forme e i volumi sono definiti dalla modulazione del colore che i ragazzi hanno reso attraverso le matite colorate.

Giacometti indaga la profondità vitale dei soggetti, la loro anima, “quello che sta sotto la pelle”, fino a “ridurre all'osso”. Scava per cercare l’essenza dell’uomo, visto come creatura fragile, sola, immersa nel dramma della vita. L’esigenza di scavare nel profondo si avverte nello stile espressivo sia della scultura che del disegno, che i ragazzi hanno reso con l’utilizzo della biro.

I ritratti di Lucian Freud mettono in mostra le imperfezioni dell’uomo, la pelle è segnata da curve, pieghe, solchi. L’imperfezione è portata all’estremo perché ogni ritratto diventa espressione del suo mondo interiore, caratterizzato da ansia e sofferenza. Le pennellate dense che “costruiscono la forma” sono rese attraverso l’uso della sanguigna.

5x1000 al Gruppo Foppa
Serata della Moda 2024 - Gruppo Foppa Fashion Performance
Bilancio di missione 2022/23
Open Day
Cerchi lavoro?
Progetti di Arti Figurative
Progetti Architettura e Ambiente